Novità

Commission du Conseil des États : attaque générale contre la législation sur la pro-tection de l'environnement !

Comme s’il n’y avait pas eu assez de dégâts pour les poissons et les cours d'eau lors de la canicule de l'été 2022 ! La Commission de l'environnement du Conseil des États porte maintenant un deuxième coup dur à la nature : elle exige en fait l'abrogation de toutes les dispositions environnementales et en particulier des prescriptions relatives aux débits résiduels. La Fédération Suisse de Pêche (FSP) attend du Conseil des États qu'il fasse preuve de responsabilité politique et qu'il corrige ainsi les dérapages excessifs de sa propre commission.


La prima analisi nazionale dello stato delle acque mostra progressi e lacune

Berna, 23.08.2022 - La protezione delle acque concede loro più spazio, ne rende più naturale i deflussi, interconnette gli habitat di piante e animali e riduce l'inquinamento. Le misure adottate negli ultimi decenni sono efficaci a livello locale. Tuttavia, per garantire che la biodiversità nelle acque non continui a regredire e le acque resistano ai cambiamenti climatici occorrono ancora sforzi notevoli. Inoltre, bisogna garantire che le acque sotterranee continuino a fornire anche in futuro acqua potabile di elevata qualità. È questa la conclusione della prima analisi a livello nazionale pubblicata oggi dall'Ufficio federale dell'ambiente (UFAM) nel rapporto «Gewässer in der Schweiz – Zustand und Massnahmen» (disponibile in tedesco e francese).


In Svizzera è in corso una grande moria di pesci!

I timori della Federazione Svizzera di Pesca (FSP) si sono concretizzati: al momento è in corso una moria di pesci di dimensioni storiche! A livello locale, l'esistenza di alcune specie è minacciata. La FSP si oppone quindi con ancor più veemenza allo sfruttamento di ogni goccia d'acqua dei nostri fiumi per la produzione di energia idroelettrica.


Si profila una tragedia per i pesci

L'estate ci invita al "dolce far niente", ma per molti pesci si tratta di un periodo difficile per la sopravvivenza. Le temperature dell'acqua sono troppo elevate e in molte zone la moria di pesci è imminente. La Federazione Svizzera di Pesca (FSP) teme che si ripetano le estati torride del 2003 e del 2018.


Le pescatrici e i pescatori vogliono creare un centro nazionale dei pesci

Le pescatrici e i pescatori vogliono creare un centro nazionale dei pesci
Sul lago Moossee, vicino a Berna, è previsto un centro nazionale dei pesci rivolto alla popolazione e ai pescatori. Il concetto è pronto, il terreno è stato riservato, ora è il momento di finanziarne l'acquisto. L'assemblea dei delegati della Federazione Svizzera di Pesca (FSP) di Locarno ha lanciato un'ampia campagna di raccolta fondi. Da anni l'industria della pesca svizzera chiede la creazione di un centro di importanza nazionale dedicato alla pesca e ai pesci. Come la stazione ornitologica di Sempach, il Centro svizzero dei pesci dovrà essere un polo di attrazione per quanto riguarda i pesci, i corsi d'acqua e la natura.




Rivista svizzera della pesca

novembre 2022

«Una vittoria storica per i pesci e la FSP», Il Presidente centrale FSP sulla decisione relativa ai deflussi residuali; ppassionare i giovani ai pesci e all'habitat acquatico «I pescatori fanno scuola» della Federazione Svizzera di Pesca; Centro dei pesci: federazioni e società interpellate 130 000 franchi sono gratificanti – ma l’obiettivo non è ancora raggiunto; Futuro della FSP - Ritiro del Consiglio Direttivo

 

Archivio Rivista svizzera della pesca

Manifestazione